Valori

Il consorzio nasce nel 2014 con l’intento di favorire le capacità di internazionalizzazione delle piccole aziende enologiche; ad oggi abbraccia 12 realtà italiane che hanno in comune il profondo rispetto per le diversità geografiche e territoriali che contraddistinguono ogni singola azienda produttrice. La filosofia alla base del consorzio è la creazione di valore applicato a ogni singola fase della produzione agricola ed enologica. Valore espresso in termini di : territorio, di ambiente, di risorse umane, di diversità di bellezza paesaggistica, e di lavoro.

Territorio

Un Paese bellissimo, l’Italia, dove la diversità è ricchezza. Regioni dove a distanza di pochi km cambiano non solo dialetti, ma modi di vivere, lavorare e coltivare.

Tutelare il territorio significa tutelare le differenze. Tutelare gli stili di vita e le usanze che da centinaia di anni danno vita ad una varia produzione vinicola, con diversi metodi, diverse conoscenze, diverse tradizioni.

Tutelare le differenze per sentirci unici.

Risorse Umane

Il nostro team, guidato dall’enologo Gianfranco Cordero, anche titolare del laboratorio Bi.Lab S.r.l., è composto da Enologi laureati specializzati nei diversi aspetti della produzione e della vinificazione, costantemente presenti in azienda e contraddistinti da grande flessibilità.

www.corderoconsulenze.com ]

Debora Bonora: laureata in viticoltura ed enologia all’università di Torino.
Master Spumanti San Michele all’Adige trento e Università di Milano coordina il consorzio, e l’esportazione di prodotti enologici.

Lavoro e Ambiente

Tutte le aziende coinvolte nel consorzio prestano particolare attenzione nel proteggere il naturale equilibrio della vigna e dell’ambiente che la circonda; tutto questo mira a mantenere alto il livello di fertilità del suolo.

Alcune delle aziende consorziate lavorano in regime Biologico, altre lavorano seguendo protocolli ecosostenibili.

Tutte lavorano per promuovere:

  • La biodiversità nella produzione di uva.
  • L’attenzione alla fertilità del suolo e alla vita del suolo.
  • Gli approcci alternativi per il controllo dei parassiti e delle malattie.
  • La sostenibilità della produzione di uva e la lavorazione e stoccaggio del vino.
  • La qualità e la provenienza degli ingredienti del vino, comprese alcune limitazioni sull’arricchimento e i requisiti per gli ingredienti, al fine di essere pienamente biologico.
  • La qualità dei lieviti.
  • Ulteriori limitazioni circa l’utilizzo degli additivi.